Informazioni operatorie

Informazioni operatorie da sapere prima di sottoporsi ad un intervento chirurgico. E’ meglio farsi operare in ambulatorio o in ospedale? Quali esami effettuare prima di un intervento? Quando è meglio l’anestesia locale o generale?

Farsi operare in ambulatorio o in ospedale

Questo tipo d’assistenza chirurgica è peculiare, poiché tutti coloro che vi partecipano (pazienti, chirurghi, centri, chi paga l’assistenza, comunità) ne traggono vantaggi, si ottengono risparmi senza aumentare i rischi. Nel corso dei secoli l’uomo ha aiutato il proprio simile con atti chirurgici molto tempo prima che gli ospedali diventassero un’istituzione e la chirurgia ambulatoriale è quella che conosciamo da più tempo. Negli Stati Uniti, su oltre 20 milioni d’interventi chirurgici annui, un buon 40% è portato a termine senza ricovero. La vostra sicurezza non è questione di ricovero o non, essa è un’atteggiamento e quando la selezione da parte del medico è fatta scrupolosamente, non vi sono ragioni di attendersi un numero maggiore di complicazioni rispetto a quelle prevedibili nel corso di un ricovero.

Vantaggi della chirurgia ambulatoriale:

  • maggiore attenzione individuale
  • meno ansia
  • costi ridotti
  • minore rischio di infezioni nosocomiali
  • ritorno più precoce al lavoro
  • maggior controllo del paziente da parte de medico
Quali esami eseguire per l’intervento

Sarete trattati su base individuale, ricevendo tutto quello di cui avrete bisogno ma non in eccesso: non è giustificato fare e chiedere di più, solo per sicurezza o perché magari non venite ospedalizzati. Ecco di seguito gli esami normalmente richiesti prima di un intervento:

Urine
Azotemia
Emocromo
Piastrine
AP/PTT
Creatininemia
Elettroforesi
Colinesterasi
Bilirubina
Elettroliti
Fosfatasi alcalina
GOT/GPT
YGT
CPK
Markers epatite*: B-C
Ricerca anti HIV* (da richiedere solo con il vostro consenso) *
VDRL/TPHA*
Gruppo/Rh*
ECG. (elettrocardiogramma)
RX torace (radiografia del torace)*

(Gli esami marcati* non sono necessari ai fini dell’intervento, ma sono utili se non sono stati mai eseguiti oppure se eseguiti oltre 5 anni prima).

La radiografia del torace, non si richiede nei giovani e se godete di buona salute: dipende dalle vostre condizioni generali, dall’anestesista e dall’importanza dell’intervento. Quando si opera in anestesia locale, non sempre sono necessariamente richiesti tutti gli esami sopra elencati: dipende dalla vostra età, dalle condizioni generali e dalla presenza di eventuali malattie associate. In quest’ultimo caso il vostro medico potrebbe richiedervi ulteriori esami non presenti nell’elenco. Altre volte, è sufficiente richiedere un emocromo e i tempi di coagulazione, mentre per piccoli interventi, ci si affida alla visita medica.

Informazioni importanti per l’intervento

Prima dell’intervento: sette giorni prima,  non assumere o sospendere eventuali terapie con ticlid, aspirine e anticoagulanti in generale.
Alcuni giorni prima dell’intervento: trasmettere o far pervenire gli esami clinici richiesti
Alcuni giorni prima o il giorno stesso dell’intervento: Sarete visitati dall’anestesista
In caso di anestesia generale: viene richiesto il digiuno assoluto (non bere, non mangiare e non fumare  a partire dalla mezzanotte).
In  caso di anestesia locale: è consentito consumare un pasto leggero fino a poche ore prima dell’operazione. (Chiedete conferma al vostro medico).

Il giorno dell’operazione: nel caso siate in cura con farmaci diversi da quelli sopra elencati, non e’ necessario sospenderne l’assunzione. (chiedete una conferma al vostro medico).
Presentarsi con un documento d’identita’.
Non e’ consentito trucco ne smalto a mani e piedi.
Vi sara’ chiesto di indossare scarpe comode e indumenti puliti previo accurato bagno e shampoo.
Prima di entrare in sala operatoria: si rende necessario togliere gioielli e oggetti metallici in generale.
In anestesia vigile: avrete la possibilita’ per l’intera durata dell’intervento, di ascoltare brani musicali a vostro gradimento.

Dopo l’intervento: alla dimissione é obbligatorio lasciare la clinica accompagnati da un conoscente.
Non e’ consentito guidare nessun mezzo.
Per i bambini: l’accompagnatore non può essere il conducente del veicolo.
E’ consentito bere e mangiare normalmente, ad esclusione di bevande alcoliche e cibi pesanti.
Durante le 24 ore che seguono l’intervento: non assumete sonniferi né tranquillanti.
Potrete continuare ad assumere le vostre medicine abituali previa autorizzazione medica.
E’ indispensabile la presenza di una persona durante la notte ( per gli interventi in Day-Hospital).
Un medico sarà sempre a vostra disposizione fino a completa guarigione.
Ricordatevi di assumere correttamente la terapia che vi sarà prescritta.
Fino al giorno successivo all’intervento: e’ consigliato non pianificare eventi importanti poiche’ la vostra capacita’ di analisi potrebbe temporaneamente indebolirsi senza che ve ne rendiate conto.

Anestesia locale o generale

La risposta e’: (quando si puo’) anestesia locale assistita.
Anestesia locale assistita, vuol dire che anche se l’intervento avviene in anestesia locale pura, l’anestesista e’ presente e pronto per qualsiasi evenienza.

La paura del dolore rappresenta a volte un blocco psicologico talmente grave tanto da farvi rinunciare all’intervento. Anche operando in anestesia locale, si devono creare le condizioni più favorevoli per togliere anche il minimo disturbo, sia fisico che psichico e per far questo sono sufficienti alcuni piccoli accorgimenti. Vediamo quali:
Sedazione: permetterà di rilassarvi e dissociarvi dall’ambiente pur restando svegli. Musicoanalgesia: ascolterete musica di vostro gradimento per restare a proprio agio.
Zona da operare: e’ disinfetta con soluzione tiepida. Evita il fastidio del freddo sulla pelle.
“Dermojet”: siringa senz’ago che inietta l’anestetico a pressione senza pungere la pelle.

Con questi preliminari apparentemente banali, sarete messi nelle condizioni più favorevoli per affrontare l’intervento con serenità.

Quali vantaggi offre quest’anestesia?
Fa di voi dei protagonisti attivi in grado di collaborare.
– Non interferisce col sistema cardiorespiratorio, circolatorio e metabolico.
– Pronta ripresa post-operatoria con assenza di effetti collaterali, quali nausea, vomito, etc.
– Limita le perdite di sangue e riduce la possibilità di edemi nel postoperatorio.

Quali sono gli interventi di chirurgia estetici che si possono eseguire in anestesia locale? Tutti eccetto due: operazioni per addomi e seni voluminosi.
In ogni caso, per la scelta finale, confidate sempre nel vostro medico.

(Quando si opera in anestesia generale e’ obbligatorio fermarsi una notte in ospedale)